Statuto


art. 1 COSTITUZIONE

E' costituita l'associazione denoinata TERRANOMALA.
Associazione animalista,apartitica ed aconfessionale che si ispira ai
principi della non violenza per la difesa dell'integrità di ogni
essere vivente.
L'associazione ha come simbolo la sagoma di un agnello in un cerchio ed è di colore verde scuro.


art. 2 SEDE E DURATA

L'associazione Terranomala ha sede legale
in Marino (RM) e può istituire proprie sedi periferiche che non avranno
alcuna attribuzione di autonomia giuridica, patrimoniale e
contrattuale.
Tale associazione ha durata illimitata.


art. 3 SCOPI E FINALITA'

L'associazione ha carattere volontario e non ha finalità lucrative.
Persegue scopi di utilità sociale,in particolar modo avendo per fine
la promozione e l'organizzazione di attività di tutela ambientale e di
difesa della bio diversità; sviluppa e diffonde il principio
dell'antispecismo rifiutando la discriminazione arbitraria basata
sulla presunta superiorità umana e respinge quella basata sulla specie
sostenendo che la sola appartenenza bilogica ad una specie diversa da
quella umana non giustifichi moralmente o eìticamente il diritto di
disporre della vita, della libertà e del lavoro di un essere
senziente;si batte contro ogni forma di sfruttamento
e violenza su animali umani e non; si pone contro ogni tipo di abuso,
danno e alterazione dell'ambiente e degli ecosistemi per il rispetto
della vita di ogni essere vivente.
Provvede alla protezione degli animali ed alla connessa
tutela,valorizzazione e conservazione della natura e dell'ambiante.
Queste le tematiche principali di cui si occuperà l'associazione:

vivisezione
veganesimo
allevamenti
filosofia dei diritti animali
zoo
pellicce
circo
caccia
randagismo
importazione/esportazione di animali
ambiente e sua salvaguardia
legislazione sui diritti animali
boicottaggio prodotti testati su animali

Al fine del raggiungimento degli scopi di cui sopra,l'assoiciazione può:

a) organizzare attività di formazione,gruppi di lavoro volontario,
seminari, banchetti informativi, corsi didattici ed informativi,
convegni, conferenze,
dibattiti, manifastazioni, presidi, sit in, mostre fotografiche,
proiezioni cinematografiche e audiovisive su temi riguardanti gli
animali umani e non e su tutto ciò che reca loro offesa
fisica,psicologica e morale, al solo scopo di sensibilizzare ed
informare onde ottenere il rispetto e la protezione degli animali e
del loro habitat.

b) promuovere programmi educativi,convenzioni, trattati;
esercitare attività di istruzione nelle scuole di ogni ordine e grado
in materia di etologia animale e rapporto uomo-animale.

c) collaborare con gli enti preposti dalle norme vigenti alla
protezione degli animali ed alla difesa del patrimonio faunistico
ambientale.

d) instaurare rapporti e promuovere iniziative con enti pubblici e
privati e altri organismi,movimenti, associazioni o istituzioni locali
aventi finalità affini.

e) organizzare gruppi di volontari per promuovere campagne di affido
di animali catturati e/o rinchiusi dai servizi veterinari nelle
strutture pubbliche o private.

f) effettuare controlli,ai sensi di legge, per verificare le
condizioni igienico sanitarie degli animali ospitati in tutte le
strutture pubbliche e private.

g) curare l'istituzione e la gestione di strutture di assistenza e
ricovero di animali e di tutela degli ecosistemi naturali.

h) istituire un servizio di guardie ecozoofile e ittico-venatorie
addette,in base alla normativa che regola la materia,alla vigilanza
sul rispetto delle leggi, regolamenti locali e nazionali, in difesa
degli animali,della fauna selvatica,dell'ambiente e del patrimonio
naturale.

i) l'associazione potrà accogliere,recuperare ed ospitare animali di
qualunque specie in strutture proprie o di terzi,cercando di
rispettare il più possibile le esigenze biologiche proprie di ogni
singolo individuo.

l) organizzare,promuovere e produrre materiale informativo stampati e
audiovisivi; svolgere, qualora se ne ritenesse il caso, attività
editoriale e di distribuzione di pubblicazioni periodiche e librarie a
carattere culturale.

m) raccogliere fondi per le campagne di informazione e
sensibilizzazione e per il sostegno anche sanitario e di cure mediche
agli animali rinchiusi.

n) l'associuazione inoltre potrà svolgere, al fine di autofinanziarsi,
qualsiasi tipo di attività commerciale, artigianale, agricola,
industriale, didattica ed editoriale in linea con i suoi principi.

o) per il proseguimento dei propri fini istituzionali o ad essi
direttamente connessi, Terranomala può acquistare beni mobili ed
immobili, anche attraverso l'accesso di idonei strumenti finanziari e
l'accensione di mutui.

p) inoltre l'associazione per il conseguimento dei suoi fini, si
impegna a promuovere l'utilizzazione di ogni mezzo di propaganda e di
diffusione come stampa, radio, televisione, telematica, invio di
stampati e pubblicazioni (opuscoli,libri,periodici), stampati o editi
in proprio o da terzi, necessari per la sensibilizzazione
dell'opinione pubblica sui fini seguiti dall'associazione.

L'associazione Terranomala, dichiara inoltre di svolgere tutte le
attività collaterali e connesse agli scopi indicati nei punti
precedenti.

art. 4 I SOCI

a) Il numero dei soci è illimitato. Possono essere ammessi in qualità
di soci tutti coloro che,senza limitazione di cittadinanza o di
residenza, abbiano dimostrato sensibilità verso gli scopi e la
cultura dell'associazione.

b) l'aspirante socio non deve svolgere attività contrastanti o
incompatibili con i fini dell'Associazione.
Il C.D. si riserva di respingere le iscrizioni di soggetti i cui
comportamenti o i cui fini statutari siano contrari al presente
Statuto

c) La qualità di socio,con i relativi diritti e doveri,si acquista dal
momento in cui,dopo la comunicazione dell'accettazione,il candidato
avrà versato la quota associativa.

d) Le quote associative sono deliberate dal Consiglio Direttivo e
approvate dall'Assemblea dei soci.

e) I soci si dividono in:

SOCI FONDATORI, coloro che presenziano all'atto di fondazione e sono
indicati nell'atto costitutivo.
I soci fondatori sono vitalizi.

SOCI ONORARI, coloro i quali per particolari benemerenze sono nominati
tali dal Consiglio Direttivo, senza corrispondere la quota
associativa.
I soci onorari hanno la scadenza deliberata dal C.D. a seconda dei casi.

SOCI SOSTENITORI, coloro i quali si impegnano a sostenere
economicamente l'Associazione mediante versamento di quote annuali di
particolare entità.

SOCI ORDINARI, coloro che pagano la tassa di ammissione e la quota
annuale o mensile sociale stabilita dal C.D., nei termini e con le
modalità fissate dal C.D.

SOCI GIOVANILI,coloro che risultano minorenni secondo le vigenti
disposizioni di legge. La loro domanda di ammissione dovrà essere
firmata da un genitore o da chi ne fa le veci. Questa categoria non ha
diritto di voto nelle assemblee, nè possibilità di essere eletti alle
cariche istituzionali dell'associazione fino al raggiungimento della
maggiore età Qualora durante l'anno essi acquisiscano la maggiore età,
è loro facoltà diventare soci ordinari o sostenitori,integrando la
propria quota sociale

f) Si perde la qualità di socio:
- per dimissioni esplicite scritte indirizzate al C.D.
- automaticamente per mancato versamento della quota associativa alle
scadenze stabilite
- per condotta contraria alle finalità dell'Associazione
- per adesione ad associazioni,enti ed organizzazioni,comunque
denominate, che perseguano finalità contrarie o incompatibili con le
attività e gli scopi dell'associazione
- per aver inferto danni materiali o morali ai danni dell'Associazione stessa.
- per persistenti violazioni degli obblighi statutari
- per decesso

g) L'esclusione dei soci è deliberata dalla maggioranza dei componenti del C.D.

h) il socio receduto, decaduto o escluso non ha diritto alla
restituzione delle quote associative versate.

i) I soci sono obbligati:
- ad osservare il presente Statuto, i regolamenti interni e le
deliberazioni legalmente adottate dagli organi associativi
- a mantenere sempre un comportamento degno nei confronti dell'Associazione.
- a versare la quota associativa (ad eccezione dei soci
fondatori,onorari).

l) i soci hanno diritto.
- a partecipare a tutte le attività ed iniziative promosse dall'Associazione.
- a partecipare all'Assemblea dei Soci con diritto di voto.
- ad accedere alle cariche associative


art. 5 QUOTE SOCIALI

L'anno sociale e l'esercizio iniziano il 1 gennaio e terminano il 31
dicembre di ciascun anno

Ogni socio dovrà versare annualmente la quota stabilita dal C.D. per
ogni singola categoria, nei termini da esso indicato.

L'adesione non comporta obblighi di finanziamento o di esborso
ulteriori rispetto al versamento della quota associativa annuale. E'
comunque facoltà degli aderenti di effettuare versamenti ulteriori. I
versamenti al fondo di dotazione, le quote sociali e i contributi, le
liberalità e le elargizioni possono essere di qualsiasi entità e sono
comunque a fondo perduto; in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di
scioglimento dell'associazione, nè in caso di morte, di estinzione, di
recesso o di esclusione, può pertanto fari luogo alla restituzione di
quanto versato.


art. 6 RISORSE ECONOMICHE E PATRIMONIO SOCIALE

Il C.D. ha potere decisionale in merito al reperimento di fondi.
Le entrate dell'Associazione sono costituite:
- dalle quote sociali
- da elargizioni, liberalità e/o contributi di soci, di terzi, enti
pubblici o privati,dallo stato o da organismi internazionali
- dagli introiti realizzati nello svolgimento della sua attività
istituzionale e di quelle ad essa direttamente connesse o accessorie.
- dai fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali di
fondi anche mediante offerte di beni di modico valore o servizi
- da contributi da pubbliche amministrazioni per lo svolgimento di
attività in convenzione o accreditamento
- dal ricavato da spettacoli, banchetti informativi,manifestazioni o
partecipazioni ad esse o comunque da tutte le attività presentate
nell'art 3 del presente statuto.
- da donazioni e lasciti testamentari.
- dalle rendite derivanti da benu mobili ed immobili.
- da qualsiasi altra entrata permessa dalla legge in conformità agli
scopi associativi.

In nessun caso potranno essere accettati finanziamenti o
sponsorizzazioni da parte di soggetti economici la cui attività
contrasti con i principi e le finalità dell'associazione.

Il patrimonio dell'associazione è indivisibile ed è composto da tutti
i beni di proprietà della medesima, suscettibili di valutazione
economica.
Il patrimonio è costituito:
- da tutti i beni mobili ed immobili che diverranno dell'associazione
- dagli eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze del bilancio
- da donazioni,lasciti o successioni.

E' vietato distribuire anche in modo indiretto, avanzi, fondi, riserve
o capitale.


art. 7 GLI ORGANI


Sono organi dell'Associazione:

- l'assemblea dei soci
- il consiglio direttivo
- il presidente
- il vice-presidente


L'ASSEMBLEA DEI SOCI


a) è costituita da tutti isoci aventi diritto di voto ed è convocata
dal presidente in seduta ordinaria almeno una volta all'anno. Può poi
essere convocata in seduta straordinaria in qualunque momento.

b) l'avviso di convocazione in seduta ordinaria e straordinaria,deve
avvenire mediante affissione nei locali dell'associazione non
occorrendo,in tal caso, alcuna ulteriore formalità.
In tale avviso, verrà indicato ordine del giorno e data.

c) Il presidente ha l'obbligo di convocare la seduta straordinaria
qualora ne riceva richiesta scritta o da parte della maggioranza del
C.D. o da parte di almeno il 10% dei soci.

d) l'assemblea ordinaria e straordinaria è da ritenersi valida in
prima convocazione se è presente almeno il 50% dei soci, in seconda
convocazione qualsiasi sia il numero dei soci presente. Essa decide a
maggioranza assoluta dei voti dei presenti. La stessa regola vale per
le assemblee elettive

e) possono partecipare all'assemblea tutti i soci in regola con gli
obblighi associativi.

f) ogni socio può farsi rappresentare da un altro socio mediante
semplice lettera di procura. Nessun socio può avere più di tre voti
compreso il suo.

g) l'assemblea ordinaria delibera in merito:
- alla relazione morale,tecnica,economica e finanziaria sull'attività
dell'associazione
- al bilancio preventivo e consuntivo
- alle proposte dll'ordine del giorno avanzate dal C.D. o dai soci stessi.
- ai programmi dell'attività da svolgere e le relative modifiche
- all'approvazione di eventuali regolamenti che disciplinino lo
svolgimento dell'attività dell'associazione
- a quant'altro a lei demandato per legge o per statuto.

h) l'assemblea straordinaria delibera in merito:
- alle modifiche statutarie e all'ordine del giorno presentato.
- a tutte le questioni che il presidente o il C.D. riterrà opportuno
sottoporre all'assemblea in via straordinaria e sulle proposte
presentate dai soci in via straordinaria

Per le modifiche allo statuto sociale occorre la maggioranza
qualificata di due terzi dei soci presenti.

i) l'assemblea è presieduta dal presidente dell'associazione o dal
vice presidente o da altro socio delegato al consiglio.
Il presidente incarica un socio ad espletare le funzioni di
segretario dell'assemblea

l) le votazioni avvengono per alzata di mano o per appello nominale o
per scrutinio segreto

CONSIGLIO DIRETTIVO

a) il C.D. elegge al suo interno:

- il presidente; questi assume la rappresentanza legale verso i terzi
e in giudizio. Il presidente ha la rappresentanza esterna civile e
giudiziaria dell'associazione; ad esso spettano i poteri di firma
dell'associazione. Egli sorveglia il buon andamento amministrativo
dell'associazione, verifica l'osservanza dello statuto e dei
regolamenti e svolge tutti gli altri compiti allo stesso demandati
dallo statuto, dal C.D. o dall'assemblea.Convoca il C.D. e l'assemblea
dei soci e li presiede e nei quali ha voto decisivo in caso di parità.
Egli può delegare le proprie funzioni e compiti al vice presidente e /
o ad altri memb-ri degli organi statutari dell'associazione.

- il vice presidente; coadiuva il presidente ed esercita ogni altra
funzione dallo stesso delegata. Si occupa di monitorare il regolare
funzionamento della struttura organizzativa. Segue l'attuazione e la
realizzazione dei piani di lavoro stabiliti dal C.D.Inoltre lo
sostituisce assumendone i poteri in caso di inadempimento, assenza o
dimissioni.

- il tesoriere; questi è incaricato della riscossione delle quote
associative e dell'amministrazione del patrimonio. Redige il bilancio
e i libri e i documenti contabili.
(((La carica di tesoriere può essere ricoperta anche dal presidente o
dal vice presidente))).
- il segretario; egli compila i verbali, cura la stesura e la custodia
dei libri sociali, degli atti, della corrispondenza. Svolge tutte le
mansioni che il presidente e il consiglio gli affidano

b) tutte le cariche sociali sono gratuite.

c) il mandato del C.D.dura tre anni ed è rinnovabile. Qualora nel
corso del triennio venissero a mancare uno o più consiglieri, il C.
può provvedere a sostituirli per cooptazione. I consiglieri così
nominati restano in carica fino allo scadere del mandato del C.
Qualunque delle suddette cariche può essere revocata dal C.D. qualora
si verificassero insolvenze o gravi motivi.

d) il C: D. si riunisce su convocazione del
presidente o su richiesta di un terzo dei consiglieri.

e) le riunioni si intendono valide qualora sia presente la maggioranza
dei consiglieri.

f) le delibere vengono prese a maggioranza e in caso di parità decide
il voto del presidente.

g) il C., senza formalità alcuna, potrà considerare dimissionario quel
consigliere che, senza giustificato motivo, non partecipa alle sedute
consiliari per tre volte consecutive.

h) al C.D. sono devolute tutte le attribuzioni inerenti
l'organizzazione e la gestione amministrativa e tecnica
dell'associazione. Tra l'altro il C.:
- delibera l'ammissione di nuovi soci nonchè l'esclusione di quelli
iscritti con motivazione scritta e nei casi di cui all'art.5
- delibera l'ammontare delle quote associative da sottoporre all'assemblea
- predispone annualmente il bilancio consuntivo e preventivo,
accompagnato alla relazione gestionale da sottoporre all'approvazione
dell'assemblea, nonchè amministra il patrimonio
- decide del trasferimento della sede e dell'istituzione di sedi
distaccate e secondarie
- elabora a livello gestionale la programmazione, i progetti e le
attività dell'associazione stessa
- indirizza, organizza, gestisce e controlla l'attività operativa
dell'associazione
- elabora le linee di sviluppo e tendenza e le posizioni ufficiali
dell'associazione in coerenza con lo statuto
- stabilisce la data dell'assemblea generale dei soci, da indirsi
almeno una volta all'anno e convoca l'assemblea straordinaria dei soci
ogni volta lo reputi necessario
- determina la politica e i criteri della raccolta fondi e della comunicazione
- stabilisce le categorie dei soci e le quote sociali
- accetta e destina le donazioni, le eredità, i lasciti e altre
sopravvenienze attive
- delibera sugli acquisti e sulle vendite di immobili e di
partecipazioni in società, enti, associazioni e federazioni
internazionali


art. 8 SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

a) lo scioglimento dell'associazione è deliberato dall'assemblea
generale dei soci, convocata in seduta straordinaria, con
l'approvazione, sia in prima sia in seconda convocazione, di almeno i
quattro quinti dei soci presenti o rappresentati che costituiscono
almeno i due terzi di tutti i soci.
b) Così pure la richiesta dell'assemblea generale straordinaria da
parte dei soci, avente per oggetto lo scioglimento dell'associazione,
deve essere presentata da almeno i quattro quinti dei soci, con
esclusione delle deleghe.
c) In caso di scioglimento dell'associazione, eventuali beni in uso e
non di proprietà, dovranno essere restituiti agli organismi di
appartenenza a meno che questi non decidano di devolvere il tutto ad
altra associazione con finalità analoghe 
 

Associazione Terranomala - InformAzione Diretta per la Liberazione Animale. Copyright 2009 All Rights Reserved Free Wordpress Themes by Brian Gardner Free Blogger Templates presents HD TV Watch Shows Online. Unblock through myspace proxy unblock, Songs by Christian Guitar Chords